Le scelte di montaggio nel film “Se mi lasci ti cancello”

      Commenti disabilitati su Le scelte di montaggio nel film “Se mi lasci ti cancello”

Le scelte di montaggio nel film “Se mi lasci ti cancello”

“Se mi lasci ti cancello” è un film che ha vinto un premio Oscar e diversi altri riconoscimenti cinematografici prestigiosi, ma è poco conosciuto anche per via di una serie di scelte fatte in fase di montaggio e nella traduzione del titolo per l’edizione italiana; ci sono, dunque, dei buoni motivi per rivedere o vedere per la prima volta Se mi lasci ti cancello in streaming, il cui titolo originale è il poetico Eternal Sunshine of the Spotless mind.

Il titolo e il cast di Se mi lasci ti cancello

Il titolo originale del film è Eternal Sunshine of the Spotless Mind, un verso tratto dall’opera del poeta inglese Alexander Pope “Eloisa To Abelard” del 1717. Alcuni versi della poesia – incluso il titolo – sono citati anche all’interno del film e la traduzione è “L’eterno splendore della mente candida”. Nell’edizione italiana si è preferito tradurre il titolo con “Se mi lasci ti cancello” con riferimento alla trama, ma che sul mercato italiano è stato percepito come un film commedia, mentre nella realtà è più introspettivo ed emblematico. Per “correggere” questa percezione, nelle riedizioni successive, il film è stato presentato con il titolo originale affiancato a quello italiano.

Il film, in ogni caso, ha avuto un buon successo di pubblico e soprattutto di critica, sebbene sono state tagliate alcune scene e ridotto il cast. Gli attori protagonisti sono Kate Winslet nel ruolo di Clementine e Jim Carrey nel ruolo di Joel. Ci sarebbe dovuta essere anche Ellen Pompeo nel ruolo di Naomi, l’ex-fidanzata di Joel. Le scene con Ellen Pompeo sono stata anche girate, ma in sede di montaggio il regista Michael Gondry e il montatore Valdìs Oskarsdòttir hanno deciso congiuntamente di eliminarle. La giustificazione ufficiale è perché quelle scene non erano funzionali alla storia d’amore tra Clementine e Joel e l’inserimento dell’ex-ragazza come terzo incomodo nella trama già complessa non era ritenuto più necessario. Molto probabilmente la scelta di tagliare le scene con Ellen Pompeo è stata anche motivata dal fatto che l’attrice aveva ottenuto l’ingaggio per la serie TV Grey’s anatomy che le avrebbe aperto le porte del successo (il film è del 2004, mentre la serie è iniziata il 2005), diventando una delle attrici più pagate di Hollywood. Il personaggio di Naomi avrebbe potuto oscurare sia Jim Carrey che Kate Winslet, soprattutto se interpretato dalla talentuosa Pompeo, da qui l’esigenza di copione di tagliare le scene.

La trama del film Se mi lasci ti cancello

La sceneggiatura del film – che è valso l’Oscar nel 2005 – è stata scritta Charlie Kaufmann, noto autore cinematografico che conferisce ai suoi film sempre un chiaro impianto psicologico e visionario.

La vicenda ruota intorno alla coppia Joel Barish (Jim Carrey) e Clementine Kruczynski (Kate Winslet) i quali dopo due anni di turbolenta ma appassionata relazione, si lasciano. Il dolore della separazione è tale che Clementine decide di rivolgersi alla clinica Lacuna INC. del dottor Howard Mierzwiak che sostiene di essere in grado di cancellare ricordi specifici dalla mente; pertanto Clementine decide di rimuovere tutti i suoi ricordi, belli e brutti, legati alla sua storia d’amore con Joel. Nel giro di 24 ore, Clementine ha rimosso completamente Joel, il quale dopo essersi pentito, tenta la riappacificazione, ma inutilmente, perché Clementine non sa più nulla di lui. Joel viene, così, ad apprendere dell’esistenza della clinica Lacuna e decide anche lui di cancellare i suoi ricordi legati a Clementine. Durante l’ “operazione”, però, qualcosa va storto, perché la volontà di Joel si oppone ad eliminare Clementine dalla sua mente per cui è necessario l’intervento del dottor Howard il quale ripristina la procedura di cancellazione. Anche se troppo tardi per tornare indietro, Joel si rende conto che il processo intrapreso è irreversibile e il giorno dopo anche lui non ricorda più nulla di Clementine.

Il giorno di San Valentino, Joel decide di trascorrere del tempo a Montauk, la località dove ha incontrato Clementine la prima volta e casualmente i due si vedono e senza riconoscersi né sapere nulla l’uno dell’altra si innamorano nuovamente. Varie vicissitudini e altre relazioni d’amore portano entrambi a scoprire il loro passato e l’essersi rivolti alla stessa clinica e di scoprire all’interno di una cassetta videoregistrata i loro reciproci pensieri, ma si ripromettono di non lasciarsi mai più anche se si dovessero riproporre gli stessi problemi che li hanno spinti alla separazione la prima volta. Happy end con morale finale: il vero amore non si cancella mai e ritorna sempre.