Le attrazioni dei parchi acquatici

      Commenti disabilitati su Le attrazioni dei parchi acquatici

Il parco acquatico è la destinazione ideale per bambini e ragazzi che desiderano trascorrere le vacanze in totale divertimento e a contatto con l’acqua, vero refrigerio nelle calde giornate estive. In attesa che i genitori organizzano la partenza per le vacanze, possibilmente includendo un parco giochi, bambini e ragazzi possono “intrattenersi” nei centri estivi, preferibilmente dotati di piscina o luoghi refrigeranti in cui trascorrere il tempo di svago. Il Giardino dei Demar è un centro estivo a Roma che offre refrigerio, ristoro e divertimento in compagnia di tanti nuovi amici e in attesa della partenza per le vacanze!

Cos’è un parco acquatico

L’aquapark o parco acquatico rientra nella tipologia dei parchi divertimento non tematici. Si tratta di aree non superiori ai 100 mila metri quadrati dedicate allo svago e ai giochi in acqua o con l’acqua. Rispetto a un parco tematico, l’aquapark ha costi di realizzazione e di gestione inferiori, un vantaggio incredibile per gli investitori in questo genere di business. Infatti, a partire dagli anni ’80, il parco acquatico è una delle attrazioni più richieste e frequentate, oltre ad essere presenti sul territorio italiano in modo diffuso e sempre con grande successo. Il primo parco acquatico inaugurato in Italia è l’Aqua Splash che si trova nella località balneare di Lignano Sabbiadoro (Friuli Venezia Giulia). Il più grande acqua park del mondo è il World Waterpark del West Edmonton Mall, in Canada ed è anche il più grande parco acquatico al coperto.

Come sono strutturati i parchi acquatici

Gli acqua park sono solitamente strutture all’aperto, anche se sempre più spesso, si trovano nel mondo strutture al coperto che garantiscono la possibilità di frequentare il parco tutto l’anno. Le aree adibite sono sostanzialmente dotate di molte piscine di dimensioni diverse, tematiche diverse e riproduzioni di ambientazioni diverse. Le attrazioni vanno dagli scivoli, ai percorsi sui fiumi artificiali, rappresentazioni di lagune. La struttura è, ovviamente, corredata di spogliatoi, servizi igienici e molto spesso di aree per la ristorazione, gelateria, pasticcerie, pizzerie e ristoranti. I parchi acquatici sono normalmente facili da raggiungere perché vengono realizzati presso destinazioni turistiche o ad alta densità turistica o abitativa. Infatti, gli aquapark sorgono sempre più spesso a poca distanza dai centri urbani ponendosi come una valida risposta allo svago estivo urbano per quanti sono impossibilitati a recarsi fuori. 

Le attrazioni “classiche” e praticamente “immancabili” nei parchi acquatici sono:

  • Gli scivoli di acqua: una delle primissime strutture concepite per un parco di divertimento estivo che si presta a numerose varianti (a U, tubolare chiuso, classico, a sezione o a pista). Generalmente realizzati in vetroresina per garantire la scivolosità e la spinta dell’acqua, all’interno di un parco vi sono diverse tipologie di acquascivoli la cui differenza è nella pendenza, nella velocità, nella spettacolarità, nel percorso sinusoidale, curvo, a elica, intrecciato, al buio (come l’attrazione black hole) o alla luce, con discesa a pista unica o a sezione allargata per permettere la discesa di più persone o con i gommoncini.

  • Piscina a onde: è una struttura tipica che riproduce il modo ondoso marino e anche la gradualità del fondo che parte da quota 0 fino a -2 metri. Le onde sono generate artificialmente da un sistema di pompaggio.

  • Piscina torrente o fiume lento: è un percorso orizzontale che riproduce un canale o un fiume il cui movimento circolare dell’acqua generato dalle pompe spinge i gommoncini o enormi salvagente su cui i natanti si lasciano trasportare.